Sciamano

Il Tamburo dello Sciamano

Sciamano

La lettera C dura

C come Comunicazione e come Carisma
(Agarri-lim Gu: da ka)

Le persone C dura (ad es. Luca, Francesca) sono determinate dal bisogno di comunicare, di avere un pubblico e di essere notate e considerate nell'ambiente.
Essi quindi cercano di esprimersi prima di tutto attraverso la bocca, parlando o col silenzio. Gran parte di loro fin dalla prima infanzia cerca una sua via di comunicazione verso il pubblico, alcuni scrivendo, altri recitando, altri ancora essendo simpatici e spiritosi oppure originali.
Molti quindi hanno una gran parlantina e sanno esprimersi bene, ma non tutti. Altri sono infatti taciturni, ma è proprio in questo modo che riescono a mettersi in evidenza. Tutti i C infatti amano stare sotto le luci della ribalta.
In sostanza sono un po' attori e il loro sguardo è molto orientato all'impressione che fanno sugli altri, ma anche alla soddisfazione di ritorno che ne deriva. Ad essi non interessa profondamente l'opinione che il prossimo ha di loro, ma piuttosto l'effetto sul pubblico: benché quindi alcuni C, secondo l'ambiente e l'educazione, si preoccupino di essere davvero apprezzati dagli altri, a molti interessa solo la popolarità come forma di Potere: anche se la gente non li ama davvero, non importa, purché sia "colpita", impressionata da loro. Alcuni C preferiscono addirittura essere detestati, purché siano popolari.
Per comprendere i C bisogna riconoscere che desiderano davvero comunicare qualcosa al pubblico, non desiderano una popolarità basata sul nulla. Ciò che trasmettono però è molto personalizzato e quelli di loro che non hanno nulla di veramente valido da comunicare, allora soltanto "vendono se stessi".
Alcuni, per tale ragione, fanno i venditori dato che ogni buon venditore sa come prima di tutto debba vendere stesso.
L'interesse scarso dei C nei sentimenti altrui verso di loro, dipende dal fatto che sono più interessati a quel che comunicano, qualunque cosa sia: la popolarità è un segno che quanto hanno trasmesso è arrivato a destinazione! Il loro interesse reale non sono gli altri, ma l'avere un messaggio da trasmettere.
Ciò che tutti i C più trovano frustrante è l'anonimato. Quando i C cercano l'anonimato o comunque lo accettano di buon grado è perché sono frustrati e si sono rassegnati a rinunciare alle loro ambizioni, un atteggiamento che dovrebbero al più presto abbandonare!
Non dovete pensare che tutti i C siano estroversi. Quelli che sono tali spesso hanno fin da piccoli ruoli di rilievo nel loro ambiente, anche se - per strano che possa sembrare - non molti sono dei capi. Più spesso sono figure di primo piano a fianco del leader o temuti outsiders. In altri casi sono soltanto personaggi che si fanno notare senza aver alcun ruolo ufficiale. Tutti sono molto dotati di spirito critico e la critica è non di rado il loro compito, ufficiale o meno.
I C introversi hanno difficoltà coi rapporti umani, ma al contempo hanno bisogno assoluto di essere al centro dell'attenzione e spesso quindi cercano varie vie per esprimersi. Alcuni tentano di farlo indirettamente attraverso la poesia o la scrittura creativa o mantenendo un diaframma di protezione come con la recita sul palcoscenico. Gli introversi spesso cambiano nella vita i modi per riuscire a essere in evidenza finché trovano quello per loro più efficace. Alcuni sviluppano un fascino particolare e silenzioso che li rende degni di nota - sono così sulla ribalta pur vivendo isolati.
I C desiderano di solito essere simpatici e amati, sia pur superficialmente, ma molti degli introversi non ci riescono e talvolta accade che preferiscano essere antipatici pur di essere notati e non rischiare l'indifferenza.
I C dotati di maggior Potere manifestano un indubbio carisma personale. E tutti, abbiano Potere o meno, sono dotati di fantasia e desiderano essere originali perché questo appunto li mette sotto i riflettori e dà loro qualcosa di significativo da comunicare. Purtroppo va da sé che non tutti ci riescano: alcuni degli estroversi sviluppano parlantina e con questa riescono ad affermarsi e trovare il loro posto. Tuttavia anche tra di loro, come tra gli introversi meno dotati di talento, molti, non riuscendo ad avere qualcosa di originale da trasmettere, possono assumere comportamenti bizzarri o fare scelte sbagliate solo perché controcorrente.
In generale i C, fin da piccoli, più non riescono a trasmettere qualcosa di speciale al pubblico più agiscono in modo strano o ribelle o aggressivo-passivo - ma in modo insolito - o fanno i buffoni pur di attrarre l'attenzione su di sé e vincere la frustrazione.
Il buffone tra queste è la via migliore e infatti non pochi C possono essere degli ottimi heyoka.
I C sono di solito protettivi, stranamente più gli uomini che le donne, e molti di loro amano avere qualcuno da proteggere o custodire. Spesso fanno i « maestri » o i mentori di qualche persona più giovane o più inesperta o meno sicura di sé o anche del loro partner, ma possono proteggere in altri modi. In genere sono possessivi e gelosi e reagiscono male se chi è sotto la loro tutela non accetta i consigli. Tra le stranezze dei C vi è che alcuni hanno queste attitudini solo o soprattutto con persone dello stesso sesso, mentre altri invece col sesso opposto.
Proprio per il loro amore per la recita e l'esser notati, i C non sono in generale sinceri, almeno hanno un'idea molto fantasiosa della verità. Alcuni sono decisamente bugiardi.
Tutti danno molta importanza al prestigio, anche se vi sono C che lo disprezzano, ma questo pure è un segno della considerazione che gli attribuiscono. Non va dimenticato infatti che nell'Altra Realtà gli opposti si richiamano e vanno a braccetto o perfino si confondono: comunicazione vs. silenzio, esibizionismo vs. essere schivi, ricerca del prestigio vs. il suo disprezzo...
Sono elitari e ambiscono ad appartenere a un consesso esclusivo. Alcuni si affiliano a società segrete o simili, ma anche i molti che non lo fanno si sentono e vogliono essere parte di qualche aristocrazia, sia essa - secondo i loro gusti e gli altri loro Poteri - di tipo culturale o sociale o spirituale o economica.
Proprio per la questione degli opposti, mentre da un lato desiderano comunicare, dall'altro amano esser custodi di segreti o di conoscenze esoteriche o anche di oggetti rari. Alcuni per questo diventano collezionisti.

Nel lavoro i C sono insoddisfatti dai lavori ordinari che li facciano restare anonimi, molti comunque li accettano pur di mettersi in evidenza con la loro originalità fra i colleghi oppure facendosi notare in un hobby o in un gruppo di amici.
Quelli però seriamente interessati alla carriera hanno bisogno di un lavoro in cui possano esprimere il loro desiderio per la ribalta. Quando dotati di Potere, sanno sfruttare la popolarità per la realizzazione di se stessi e del proprio Sogno.

i poteri

I poteri delle persone C sono comunicazione, popolarità, originalità, fantasia, manipolazione, insincerità, esibizionismo o al contrario essere esageratamente schivi, fascino, carisma, protettività, esclusivismo, gelosia, elitismo, amore per i segreti e la segretezza.
Non sono kakáram per natura, ma alcuni possono diventarlo.
La loro energia è media o bassa.

cosa devono evitare e cosa cercare

Le C devono evitare l'anonimato e la ricerca dell' originalità fine a se stessa.
Devono cercare di essere meno critici e di interessarsi più agli altri per loro stessi anziché vederli solo come un pubblico.


La lettera C dolce

Le persone C dolce (ad es. Aiace, Beatrice) sono simili alle C dura, ma più leggere e superficiali.
Spesso sono futili, amano la conversazione disimpegnata e hanno un amore meno forte per l'originalità, mostrandosi più interessate al successo sociale. Anche loro comunque, come le C dure, si mettono in evidenza. Rispetto a queste sono più portate alla fantasia, alla manipolazione e all'inganno.